Grande festa a Tarcento per i 100 anni di scoutismo

Il gruppo degli scout di Tarcento

Molte le attività in programma per l’anniversario.

Il 19 e 20 ottobre a Tarcento si svolgeranno i festeggiamenti per i 100 anni di scoutismo. È passato infatti un secolo dalla prima testimonianza fotografica della presenza degli scout nel comune: sei ragazzi, nel 1919, in uniforme dell’associazione scout cattolici italiani (Asci) della squadriglia dei leoni, davanti al portale del duomo di Tarcento. Solo pochi anni prima, nel 1907, Robert Baden-Powell fondava in Inghilterra il movimento scout.

Ecco quindi che il gruppo di Tarcento vanta una storia lunga fin quasi dagli inizi del movimento, che poi si è diffuso in tutto il mondo e si è scoperto essere un metodo educativo vincente. Durante il periodo della censura fascista, come in tutta Italia, anche qui le attività sono state interrotte formalmente, mentre nella realtà i ragazzi hanno continuato a trovarsi di nascosto per portare avanti i loro ideali: è stato il periodo della cosiddetta “giungla silente”, di cui in questi giorni è proprio uscito un film “Le aquile randagie”. 

Grazie a questi ragazzi, il gruppo è sopravvissuto dando la possibilità a tanti altri di continuare a trovarsi e divertirsi insieme, sperimentando la vita all’aria aperta e l’avventura. Nel 1977, il gruppo sceglie di diventare parte della Federazione scout d’Europa (Fse), di cui ancora oggi fa parte. Negli anni ’80, le attività vengono aperte anche alle ragazze, ampliando così la proposta formativa ed aumentando  ancora i numeri.

Foto d’epoca del gruppo scout

Oggi il gruppo conta circa 90 soci dagli 8 anni in poi, con tanti  ragazzi giovani pieni di entusiasmo e buona volontà, e si ritrova tutti i sabati pomeriggio per le sue attività presso le sedi della Domus mariae dietro il Duomo: l’obiettivo è crescere condividendo i valori dell’amicizia, imparare a prendersi le responsabilità adatte alla propria età, sperimentare l’avventura sana e la vita  all’aria aperta fuori dai giochi virtuali, conoscere l’arte dell’arrangiarsi da soli, sensibilizzare all’attenzione verso il prossimo ed allo spirito di servizio. Tutte le attività proposte sono pensate per le fasce d’età 8-10 anni, 11-16 anni, 16-21 anni e over 21.

I capi scout di oggi hanno voluto pensare ad un momento di festa tutti assieme per poter condividere questo traguardo storico con chi li ha preceduti e con i ragazzi giovani di oggi: passato, presente, futuro tutti insieme per portare avanti e continuare a mantenere viva una proposta che non ha età, e per lasciare ancora una volta una traccia nella comunità che da sempre li accoglie e li sostiene.

Il 5 ottobre, a palazzo Frangipane è stata quindi allestita ed inaugurata una mostra fotografica, che prosegue anche nelle attività commerciali del paese. La mostra è aperta sabato e domenica dalle 10 alle 19, fino al 20 ottobre. Sabato 19 alle 15.30, inoltre, è stato organizzato un grande gioco aperto a tutti dagli 8 anni in poi, per scoprire abilità, spirito di collaborazione, l’ambiente che ci circonda, e tanto altro. Ritrovo al parco del Torre, vicino al palazzetto dello sport. 

Domenica 20 sarà la giornata più importante: alle 9.30 si inizia con la cerimonia dell’alzabandiera, alle ore 11 santa messa in Duomo, animata dal gruppo scout. A seguire pranzo tutti insieme presso il tendone al parco del Torre e nel pomeriggio tornei di giochi scout.

La mostra allestita a palazzo Frangipane

Durante tutta la manifestazione, verrà allestito presso il parco un campo scout: una occasione per vedere e provare in prima persona quello si può riuscire a creare con l’abilità tecnica che viene insegnata progressivamente nelle varie fasce d’età. La vita all’aria aperta, il campismo e la collaborazione sono strumenti essenziali del metodo, ed al parco sarà possibile vedere che si può costruire un angolo di casa comodo… anche in un bosco.

(Visited 118 times, 1 visits today)

About the Author