Appello per l’ex ospizio di Gemona: “Si pensi al rilancio del centro”

L’appello dell’opposizione.

“L’ex ospizio di Via Altaneto resti di proprietà pubblica”, questo è l’appello del gruppo consigliare d’opposizione Progetto per Gemona.
Da alcuni anni l’area è stata inserita nel patrimonio comunale in vendita e il gruppo di opposizione ha deciso di richiedere un cambio di direzione da parte della maggioranza rispetto alla scelta operata.
“In più momenti abbiamo manifestato la nostra contrarietà e lo faremo anche in occasione del prossimo bilancio, nel quale chiederemo che quell’immobile sia eliminato dall’elenco degli immobili in alienazione” spiega l’opposizione -, riteniamo quel luogo estremamente importante per Gemona, sia sul piano storico che su quello paesaggistico”. Un’opportunità per il turismo, per la comunità e un simbolo stesso della cittadina che non può essere messo in vendita, questa l’idea difesa con forza da Progetto per Gemona.
“Apprendiamo con piacere la volontà dell’amministrazione Revelant di sistemare quella zona con un contributo per la realizzazione di un centro di aggregazione giovanile; ciò è motivo in più per mantenerla di proprietà pubblica pensando alla realizzazione, in un prossimo futuro, di un immobile a servizio della comunità“.

Non dimenticare la situazione delicata del centro storico, soggetta ad ulteriori chiusure, è alla base della richiesta dell’opposizione. “È necessario ripensare in termini complessivi alla pianificazione del centro storico – conclude l’opposizione -, evitando interventi a spot che non si inseriscono in un disegno coordinato ed omogeneo. Serve un nuovo progetto per la città alta che tenga conto dei problemi, anche economici, in cui versa e che delinei soluzioni a medio termine”.

(Visited 333 times, 2 visits today)

About the Author