Nuovo mezzo per la Protezione civile di Tricesimo, ma mancano i volontari

Il nuovo Wolkswagen Trasponder della Protezione civile di Tricesimo

L’appello per trovare nuovi volontari.

È arrivato un nuovo rinforzo per la Protezione civile di Tricesimo. Nei giorni scorsi, infatti, è stato consegnato il nuovo veicolo Wolkswagen Trasponder, alla presenza del coordinatore Fabrizio Merlino e del vicesindaco delegato alla Protezione civile, Renato Barbalace, oltre alla squadra di volontari.

“A seguito dell’approvazione in Consiglio Comunale del piano d’emergenza della protezione civile – ha dichiarato Barbalace – sono immediatamente partiti i contribuiti per il finanziamento del mezzo telonato che oggi siamo qui a presentare”. Per il suo acquisto, è giunto un contributo della Regione di 36 mila euro, con l’aggiunta di 7 mila da parte del Comune. Il Trasponder è dotato di sei posti, di una gru per il carico e lo scarico di merci e di un’alta capacità di carico elevata. Sarà un’esclusiva dotazione della sezione di Tricesimo che si inserisce nel rinnovamento e incremento del parco mezzi “affinché il pronto intervento sia il più possibile efficace e sicuro per gli operatori”, ha aggiunto Merlino.

Il coordinatore ha voluto inoltre ringraziare la “squadra e ai volontari per le numerose attività svolte, tra le quali molte iniziative condivise con le associazioni del territorio”. “Il nostro – ha aggiunto – ormai è un gruppo consolidato con svariate attività sul territorio comunale e anche fuori, di formazione e addestramento con il distretto del Torre”. L’aula dedicata a corsi e incontri, negli ultimi mesi, è stata sempre più usata per la formazione e i briefing post-intervento: “Momenti per riflettere, confrontarsi, fare esperienza” ha sottolineato ancora il responsabile.

Insieme alla soddisfazione per la nuova strumentazione, però, i volontari hanno anche espresso preoccupazione per il calo d’organico. A fargli eco è ancora Merlino, che ha rinnovato l’appello per trovare nuove persone, a partire dagli studenti. “Insegneremo ai ragazzi – ha dichiarato – come funziona la Protezione civile, ma anche in quali rischi possono incorrere quotidianamente, con la speranza che possano portare il messaggio fuori delle aule scolastiche”.

(Visited 58 times, 1 visits today)

About the Author